Penso..dunque Sono...

About My Stylish Blog

La mia foto
Italy
La certezza indubitabile che l'uomo ha di se stesso in quanto soggetto pensante.

venerdì 31 dicembre 2010

Welcome 2011

 
Happy New Year
 
Joyeux Nouvel An
 
Feliz Año Nuevo
 
Glückliches neues Jahr
 
 
 
 

mercoledì 29 dicembre 2010

...Vivere a Barcellona...

Vuoi farti una vacanza divertente con pochi soldi o concederti qualche giorno in totale relax? Barcellona fa al caso tuo. In rete ci sono tantissimi siti che ti faranno trovare a prezzi vantaggiosissimi un volo diretto dagli aeroporti principali italiani per questa loca città. Un città totalmente cosmopolita, lontana dagli schemi convenzionali classici. Trascorrere dei giorni a Barcellona è l'ideale per chi vuole svagarsi con la mente, conoscere gente e divertirsi. Tutto ciò è possibile non spendendo una fortuna. Dal volo alquanto low-cost agli alberghetti o BeB che sono facilmente contattabili sia via mail che in loco da prenotare. Barcellona è una città da vivere a pieno, si vive per strada di giorno. Potrai conciliare la parte cultura andando a fare un giro alla Sagrada Familia, al porto nel quartiere dei pescatori di un tempo, la Barcelloneta, e la Cattedrale nel quartiere gotico e concedendoti lunghe passeggiate su las Ramblas, gremita in pieno giorno da artisti di strada che ti incanteranno con i vari spettacoli. Potrai spostarti facilmente grazie alle metrò puntuali e disponibili a tutte le ore, ma anche i taxi sono comodi e a prezzi non sproporzionati. La sera è d'obbligo tapas (sono assaggi panini, crocchette e tortillas) e sangria, li fanno buoni in tutti i ristoranti della zona e dopo cena puoi scegliere tante discoteche e lounge bar localizzati in maggioranza  in Avinguda Diagonal. 

Buon Divertimento.


martedì 28 dicembre 2010

" S.O.S. Amore "

“E’ forse chiedere troppo desiderare un uomo decente? Non sto parlando di un neurochirurgo esageratamente bello…mi accontenterei di uno che quando dice “ti chiamo” lo faccia entro l’anno..che non sia sposato, che non sia alcolista, ladro, bipolare o bugiardo patologico.” F.Bosco

“S.O.S. Amore” di Federica Bosco

L’amore facile non fa per lei. Chiara è poco più che trentenne e desidera ardentemente una persona, un uomo sposato che le promette l’impossibile, momenti da favola, ma poi la vede di nascosto, in luoghi distanti, per non farsi scoprire.
E’ l’amante del suo capo, è la sua segretaria, risolve tutti i suoi problemi, gli sta vicino, è paziente, ma è costretta a vivere in maniera repressa i suoi sentimenti, tanto che per risolvere le sue continue crisi e la frustrazione di non essere voluta, va tutte le settimane da un analista, che diventa il suo migliore amico. L’amante non solo sembra non abbia realmente intenzione di lasciare la moglie per iniziare una storia normale con Chiara, ma sembra addirittura tradirla con altre donne. Chiara, però, sa perdonare, e continua a farlo, non perde mai le staffe, continua ad essere speranzosa e positiva, ai limiti del credibile.
Con l’autostima sotto i piedi, credendo di non meritare l’amore, per il modo in cui lei stessa ammette di essere, si accontenta, sin dall’adolescenza, di storie parziali e sempre disastrose con tipi che non la rispettano e che se ne approfittano.
Oltre ai suoi guai sentimentali, si imbatte in strane situazioni familairi. Chiara, nonostante tutto, continua a voler bene a chiunque, a giustificare, a cercare il meglio nelle persone. E proprio il giorno in cui ha scoperto di essere stata tradita, incontra un ragazzo d’oro che è stato appena mollato dalla fidanzata. Tra i due nasce una grande amicizia, lei decide di ospitarlo a casa sua e diventano inseparabili. Intanto Chiara prosegue la sua terapia, inventa storie, racconta bugie a chiunque, persino al suo analista, pur di non ammettere la verità e per giustificare il suo comportamento, ma solo quando, allo strenuo delle forze, stanca oramai di tutto, arresa alle sue debolezze, si sfoga contro il mondo, riesce ad acquistare consapevolezza e non si sottomette più a nessuno. Caccia fuori il carattere e così può affrontare chiunque, senza dover subire l’umiliazione. Dalla consapevolezza nasce la sua determinazione a non tralasciare nulla di se stessa per non lasciarsi più sfuggire l’amore vero, quello che fa stare bene, e non si desidera perchè malato, ma perché rende felici. Federica Bosco ci racconta una nuova storia che con sarcasmo, dolcezza e fantasia, mostra ancora una volta il lato romantico e spietato dell’amore.L'ho trovato un libro sulle donne che amano e giustificano qualsiasi atteggiamento, che riconcorrono l’uomo sbagliato, perché pensano che i sentimenti siano più forti quando vengono fuori dal dolore, ma poi si guardano bene intorno e capiscono cosa desiderano realmente…un amore vero.Quindi donne aprite gli occhi.

lunedì 27 dicembre 2010

...Trattali male...

Hai sempre sognato di avere un amico (possibilmente gay onde evitare coinvolgimenti sentimentali), dotato di senso dell’umorismo, capace di tirarti su con battute al vetriolo sul tuo ex e assolutamente sincero nel dirti che quel vestito non ti sta affatto bene?Ecco l'amico che fa per te..Gerry Stergiopoulos o meglio, lo Stanford's Carrie (Sex and the City docet)  Proprio per la sua brutale sincerità Gerry è il perfetto personal trainer in fatto di love affair. Data l’impossibilità di mettere a freno le sue perle di saggezza, eccole tutte racchiuse in un libro manuale che promette di fare miracoli. "Trattali male e ti correranno dietro" recita un vecchio adagio. Ed è una sacrosanta verità. Se tutto quello a cui le persone amano dare la caccia, per definizione sfugge, ne consegue che essere sempre disponibili, carine, immancabilmente presenti, non è che la strada più breve e sicura verso il fallimento. Perché una realtà deve essere fatalmente riconosciuta: gli uomini preferiscono le "stronze". Amano chi li fa stare un po' sulle spine, chi da loro la sensazione di aver vinto magari una battaglia ma mai la guerra, chi sa camminare con le proprie gambe, chi offre sempre nuove sfide. Insomma, agli uomini, in fondo, piace soffrire.

sabato 18 dicembre 2010

....La isla bonita...Formentera....

E' definita la isla bonita, un piccolo isolotto in mezzo al mare a qualche kilometro dalla grande Ibiza, l'isola del divertimento per eccellenza. Se scegli Formentera per le tue vacanze, oltre all'incantevole mare, sei alla ricerca di un divertimento di élite. Formentera fa parte insieme ad Ibiza delle Baleari in Spagna. Facilmente raggiungibile in aereo, non atterri direttamente sull'isola, poichè non è provvista di aeroporto, ma a Ibiza (Evissa). Dall'aeroporto di Ibiza, prendi un autobus per il porto ove t'imbarcherai con il traghetto per Formentera. La tratta dura circa 1 ora. Appena sbarcato sull'isola, ti consiglio di prendere in fitto un motorino, è conveniente e meno dispendioso. Ci sono pure i rent car (affitta auto) ma costano parecchio. Con il motorino girerai l'isola con più comodità e spensieratezza. L'isola è alquanto piccola, quindi in una settimana sempre in sella al motorino, sicuramente ne conoscerai ogni scorcio. Le spiagge più belle sono quelle di Ses llevetes, Espalmador, Big Sur, el Pirata, Tonga, 10.7, quest'ultime sono fornite anche di lounge bar ove nel tardo pomeriggio è possibile concedersi degli aperitivi in spiaggia. Il mare spettacolare, limpido, cristallino, è stato proclamato qualche anno fa Patrimonio dell'Unesco.La sera è possibile perdersi nel piccolo centro dell'isola che si chiama Es Pujols stracolmo di localini, ove è possibile mangiare cucina tipica spagnola ma ci sono parecchi ristoranti Italiani se proprio non riesci a stare lontano dalla cucina nostrana. 


lunedì 13 dicembre 2010

...un nuovo Status Symbol..il Master Post Laurea...

L'attuale periodo economico non è il massimo, per pianificare e fare progetti. Se a breve arriverai al cotanto ambito traguardo della laurea e già sai che a livello lavorativo c'è poco quanto nulla, ti consiglio vivamente di fare un Master post laurea. Per specializzarti se il tuo ambito professionale t'interessa, o se vuoi esplorare nuovi campi a te sconosciuti. Prima di tutto cerca di focalizzarti bene su quello che vuoi fare una volta uscito dall'università. Si sa che quando si comincia il percorso universitario si è poco più che adolescenti, quindi poco decisi su quello che si vuole fare da grandi. Ma con una maturità maggiore sicuramente saprai decidere e capire cosa t'interessa fare.Allora non aspettare l'ultimo minuto, anche se ti manca ancora qualche esame o sei agli sgoccioli, comincia a fare delle ricerche in internet, per capire i lavori che vanno maggiormente, se ci puoi arrivare solo con la laurea oppure hai bisogni di una preparazione post universitaria. Ti consiglio di dare uno sguardo in rete, ci sono tanti corsi e master che potrebbero fare al caso tuo.Dalle risorse umane alla comunicazione, passando per l'information technology, sono tutti master e corsi che a parte molto interessanti e tenuti da professionisti del lavoro, potrebbero darti qualche punto più ad un colloquio di lavoro e sicuramente una maggiore preparazione, poichè i master i corsi post laurea ti preparano al mondo del lavoro vero e proprio a differenza della formazione universitaria.

venerdì 10 dicembre 2010

...All Crazy for Hair...

Spesso dietro una decisione improvvisa..arriva anche la voglia di cambiamento, di mutarsi, cambiare look.  Sai che tutto parte dalla testa.  Infatti proprio di capelli intendo.
Micro mèches. Avete deciso di farti bionda, seppur con una certa cautela? Sappi allora che le mèches a ciocche larghe sono assolutamente OUT!  Adesso il mood le vuole sottili e per realizzarle si utilizza il metodo Flash Light che prevede l’uso di una cuffia in silicone, con 2000 fori tagliati a croce, da quale poi si estraggono le ciocche della dimensione desiderata. Black Wash. Chi ha i capelli molto scuri saprà benissimo che un solo capello bianco si nota, e pure tanto. Fare l’intera colorazione per qualche capello bianco era fino ad ora una scelta forzata. Oggi esiste, però, una colorazione selettiva, che agisce solo dove serve. Il metodo si chiama Black Wash e consiste nell’utilizzare uno speciale pennellino per tingere i singoli capelli bianchi, lasciando inalterato il colore della base. Carezza di luce.Si tratta di una speciale tecnica che serve a far brillare il biondo cenere o il castano chiaro. Il metodo di colorazione è abbastanza semplice: si dividono i capelli in tante ciocche abbastanza spesse e si procede a tingerle in maniera alternata (una sì e una no), accarezzando i capelli con il dorso della mano su cui è stata stesa la colorazione. Il risultato finale sarà un delicato biondo chiaroscuro dal tocco naturale. Biondo platino.Impazza il trend dei capelli decolorati, stile Lady Gaga. Fai attenzione però perché la decolorazione non solo non fa bene ai capelli, ma modifica addirittura la struttura del fusto. L’acqua ossigenata ad altissima gradazione, che si utilizza per eliminare completamente il colore base, rende i capelli fragili e sottili. Il consiglioche ti do è di recarti dal tuo hairstylist due giorni prima del trattamento per fare una maschera  ristrutturante alla cheratina, che rende i capelli più corposi. Rosso superstar. Pare che solo l’1% della popolazione mondiale abbia i capelli rosso naturale. Un colore in via di estinzione, quindi, ma che la moda reclama con gran fervore. Il rosso è un colore di tendenza soprattutto perché c’è un rosso ideale per tutte. Sceglieli quindi in base alla tua carnagione: il ramato dona molto alle pelli rosate, quello arancio a chi ha la carnagione ambrata e il mogano valorizza l’incarnato olivastro. Il trend vuole, inoltre, che il colore rosso venga valorizzato con bel taglio scalato che evidenzi al meglio ogni singolo riflesso. CastanoAccanto al biondo e al rosso, la moda riscopre il castano, dal cioccolato allo sfumato. Quest’ultimo è una novità molto interessante per la prossima stagione. Si realizza con una tecnica che prevede di lasciare una base scura alla radice, che diventa più chiara e sfaccettata sulle lunghezze e sulle punte. L’effetto è molto naturale, tipico dei capelli baciati dal sole e dalla salsedine. Quindi ora con il freddo e il gelo alle porte che ne dite di accoglierli con il calore di capelli voluminosi, lucenti e...avvolgenti.

mercoledì 8 dicembre 2010

Anche Se Non Trovi Le Parole


E' pur sempre bellissima un'emozione
con le cadute e tutto il male
come una musica, come un dolore lascia il suo segno e non si fa scordare
l'anima in ogni sua imperfezione
ti fa cadere e rialzare
seguire logiche senza ragione
prendere e andare nel nome...

anche se non trovi le parole
hai girato il mondo dentro a un cuore intero...
nessuna replica, poco potere
mentre decidi se ti puoi fidare
il tuo momento ti viene a cercare puoi solo credere
forse saltare
come un elastico senza pensare non c'è più tempo forse fa male....

venerdì 3 dicembre 2010

...Come on, come on, come on, come on and take it, take another little piece of my heart now, baby..


Nel 1970 si spegneva la più grande voce "blues" della storia del rock, Janis Joplin. Quella tragica notte del 4 ottobre del 1970, quando arrivò la notizia che al Landmark Motor Hotel di Hollywood, era stato trovato il suo corpo senza vita, stroncata da un'overdose di eroina, a soli 27 anni. Un'esistenza inquieta. Una vita vissuta pericolosamente, tra droghe e alcol,. Erano gli anni "hippy", Janis appena ventenne, fugge dalla sua "prigione natale", Porth Arthur in Texas, la città dove era nata il 19 gennaio 1943 per seguire la sua passione, la musica.  Diventata uno dei simboli del rock al femminile, e, a dispetto di un fisico non proprio da top-model, perfino un « sex-symbol in brutta confezione ». La sua sensualità selvaggia la rendeva infatti l'alter ego femminile di ciò che erano le pin up del tempo. Dopo le critiche alle sue ultime performance, sembrava aver deciso di dare un taglio agli eccessi di un'esistenza inebriante ma illusoria. Ma quella notte spense per sempre la sua voce. Una voce appassionata e straziante, che era insieme ruggine e miele, furore e tenerezza, malinconia blues e fuoco psichedelico. Un canto unico e inimitabile in tutta la storia del rock. "Era una musa inquietante - scrive il critico rock Riccardo Bertoncelli - una strega capace di incantare il pubblico, la sacerdotessa di un rock estremo senza distinzione tra fantasia scenica e realtà". La critica, oggi, la considera all'unanimità una delle migliori interpreti bianche di blues di tutti i tempi. Per capire quanto Janis Joplin sia stata importate per la musica bisogna ascoltare la sua voce unica e strueggente per capire che come lei non ce ne sarà mai più una perché oltre ad essere stata un talento unico è stata la prima grande interprete femminile a confrontarsi con il rock blues con una sensibilità rara. Nel 1995 la voce di Janis Joplin è entrata a far parte della Rock And Roll Hall Of Fame mentre nel 2005 è stata insignita del Grammy alla carriera. Io voglio ricordarla con la sua maliconica e ardente 

" Piece of my heart "…

video

giovedì 2 dicembre 2010

...Divertimento Made in Italy..Rimini...

La definiscono la Ibiza Italiana, una città nella Romagna, ove d'estate diventa il quartier generale per chi vuole divertirsi in modo nostrano, targato made in Italy, senza prendere aerei o spostarsi di tanto. Una città dalle mille e una notte. Ove tutto è possibile. Parola d'ordine: Divertimento assicurato. Rimini città ideale per trascorrere giorni felici in famiglia o vacanze da single, che amano divertirsi e trasgredire la normalità quotidiana. Tutto questo a Rimini e nella vicina Riccione è possibile. Senza spendere nemmeno tantissimo, infatti offre tanto a prezzi vantaggiosissimi. Passando per gli alberghi a prezzi modici ad a prezzi a 4 e 5 stelle non c'è che da scegliere. Per quanto riguarda i divertimenti ce ne sono tantissimi, partendo dalle spiagge in cui è possibile rilassarsi e prendere il sole, per terminare nel tardo pomeriggio con aperitivo in jacuzzi o in spiaggia con musica lounge/reggae in sottofondo. La sera dopo cena è possibile divertirsi e sfrenarsi nelle danze in diversi locali e discoteche della riviera, la maggior parte si trovano a Misano Adriatico, una frazione di Riccione, facilmente raggiungibili in macchina, taxi o autobus. Ti consiglio Villa delle Rose, Pascià, Echos e Baia Imperiale per un divertimento glamour e stiloso. 

...Sevilla...la ciudad de oro...

Una delle città più antiche e belle del mondo, per la maestosità, la cultura andalusina, il passato storico stampato sulle mura,da ammirarlo e restarne esterrefatti. Un mix di sapori, aromi, fascino antico e giovane presente la plasmano in una città magica.Capoluogo dell'Andalusia, Siviglia chiamata la ciudad de oro.. ha qualcosa che la rende magica, sarà per il passato millenario, un fascino misterioso che accompagna questa ridente cittadina del sud della Spagna da sempre. Importante da diversi punti di vista finanziario,artistico,economico, meta turistica di migliaia di persone che ogni anno vengono a visitarla. Appena arrivati a Siviglia devi fare visita al Barrio de Santa Cruz, tipico quartiere locale, un mix di arte araba,romana e fenicia; il palazzo Reale che si trova nei pressi del campanile della più grande cattedrale iberica, la Giralda. Il palazzo Reale, chiamato, l'Alcazar, è da visitare e vi consiglio di farlo, resterete senza parole ad ammirare la maestosità della struttura. Per dormire scegli un comodo BeB in centro così che tu possa lasciarti tentare dalle bellezze del posto ma soprattutto da quelle culinarie, la sangria e patatas bravas sono solo alcune delle specialità del posto. Troverai gente allegra, che ama divertirsi e far divertire. Non c'è posto migliore per captare la vera essenza degli spagnoli.. Buen Viaje!